Home / Home / Editoriali della Redazione / Tradizione e formazione: la scuola birrai torna alla Fabbrica di Pedavena
Redazione | 11 febbraio 2016 | no comments

La fabbrica di Pedavena riapre con entusiasmo e soddisfazione la scuola Birrai, con un corso rivolto ai suoi dipendenti per continuare una tradizione di formazione e diffusione della cultura birraria in Italia.

La Fabbrica nella sua storia centenaria vanta un passato di formazione scolastica e professionale, essendo stata la sede di svolgimento delle lezioni pratiche del triennio del Corso Professionale per Birrari Maltatori della scuola C. Rizzarda di Feltre, unico in Italia. Nato grazie alla volontà della Famiglia Luciani, il corso ha inaugurato la sua prima edizione ufficiale nell’ottobre del 1951, è continuato fino al 1975 con ben 271 diplomati, tra i quali si annoverano grandi maestri del mondo Birraio, riconosciuti a livello internazionale.

Quegli stessi mastri Birrai diplomati, si mettono oggi a disposizione dei dipendenti di Birra Castello, per tramandare e trasferire loro i “segreti” per la produzione di un prodotto birrario di qualità ed eccellenza. I docenti del corso sono infatti la massima espressione della cultura birraria in Italia avendo svolto la loro attività professionale ai più alti livelli nelle fabbriche di birra italiane.

“Birra Castello è molto orgogliosa di questo progetto. È un investimento molto importante per l’azienda, e non parlo di investimento in termini economici. È un investimento per il nostro futuro. Grazie a questo corso i nostri dipendenti avranno la possibilità di apprendere un know how che non è scritto nei libri, ma che fa la differenza in termini di eccellenza qualitativa” spiega Eliano Verardo, AD di Birra Castello S.p.A. “la tradizione di scuola e di formazione che ha reso famosa la Fabbrica di Pedavena, continua oggi. E siamo molto fieri di questa iniziativa, unica tra i produttori di birra, che tutela il grande patrimonio di cultura birraria presente in Italia, che deve necessariamente trovare le modalità per essere tramandato.”

Un’iniziativa unica e encomiabile, quella di Birra Castello, che apre le porte della conoscenza e cultura birraria, attraverso la presenza di mastri birrai del valore di Tullio Zangrando, insegnante al tempo della Scuola di Feltre, Giovanni Maccagnan, Gianni Pasa, Vittorio Gorza, Adis Scopel, Raffaello Rech e Giorgio Zasio.

Il corso, che in via sperimentale in questa prima edizione è rivolto solo ai dipendenti, inizierà il 13 febbraio, si svolgerà in circa 110 ore di lezione, esclusivamente di sabato, e continuerà fino a novembre, con una pausa nei mesi estivi da giugno ad agosto.

Nella prima parte del corso, da febbraio a maggio, si tratteranno temi esclusivamente riguardanti la fabbricazione della birra, dalle materie prime al processo di filtrazione, mentre nella seconda parte, da settembre a fine ottobre, il corso riguarderà anche altri aspetti, come il confezionamento, la degustazione , i materiali di confezionamento, la sanificazione e altro ancora.

Il progetto è di aprire il corso in futuro anche al pubblico, per diffondere in modo ampio e completo la cultura italiana della birra e darle il giusto valore e riconoscimento.

Un’iniziativa molto importante, che conferma l’attenzione all’eccellenza, alla qualità e alla cultura birraria di Birra Castello, che come gruppo imprenditoriale italiano indipendente si distingue ancora una volta sul panorama nazionale per le sue attività.

Nella foto, una delle vecchie classi della scuola per birrai “Rizzarda”:
L'ultima classe di birrai Rizzarda

Add comment

Name

E-mail

Website

Comment Submit